traduci

07 lug 2011

Ipocondria

Una tra le fobie più angosciose è la paura di contrarre le malattie o di essere già seriamente ammalati nonostante gli accertamenti medici dicano il contrario. L’ipocondria fa parte di un disturbo del comportamento o più correttamente di un disturbo d’ansia. E’ vero che le persone che soffrono di questa malattia, perché di questo si tratta, sono dei malati immaginari, ma la paura, l’angoscia e la sofferenza sono reali per loro e un disagio per chi gli vive accanto. Per gli ipocondriaci non esiste un semplice disturbo passeggero, un banale raffreddore è già l’inizio di una ben più grave patologia polmonare, un dolore intercostale causato da uno stiramento muscolare diventerà sicuramente una cardiopatia, ma l’aspetto forse più angoscioso è che chi è affetto da ipocondria si sottopone di propria volontà ad ogni tipo di visita, analisi e accertamento diagnostico anche invasivo pur di ottenere una rassicurazione il cui effetto però non durerà a lungo, al primo sintomo di fastidio o dolore si convinceranno di avere un’altra grave malattia ricominciando tutto l’iter da capo. Sia che questa fobia sia alimentata dalla paura di ammalarsi o dalla convinzione di esserlo già il bisogno di curarsi
diventa una dipendenza, come chi è drogato non può fare a meno delle sostanze stupefacenti, il "drogato della medicina" non può fare a meno di farsi visitare, esaminare e spesso di assumere medicinali. Un altro aspetto di questa patologia è che essa può essere la manifestazione di una sottostante depressione.
E’ importante sapere che: si può uscire dal tunnel dell’ipocondria, che la diagnosi deve essere fatta da uno specialista in psichiatria, che i farmaci sono in grado di sopprimere il sintomo (antidepressivi e/o benzodiazepine), ma per ritrovare la strada dello star bene occorre procedere per tappe e comprendere che l’origine di questa angoscia  come la maggioranza delle angosce ha sempre molte cause e che vivere in salute non vuol dire solo assenza di malattia ma è anche e soprattutto una condizione dello spirito.
Lettura energetica: come la maggior parte delle malattie del sistema nervoso anche l’ipocondria non è imputabile a un solo chakra, ma si analizzerà per le manifestazioni che produce. Tutte le angosce originano nei due chakra gemelli, 1° e 7°, che sono in relazione con la famiglia di origine, con ciò la malattia non dipende da quello che fanno o hanno fatto la mamma e il papà ma da ciò che abbiamo interiorizzato cioè i genitori che abbiamo nella testa. Questa patologia esprime un bisogno primario di sicurezza  nonché un atteggiamento sdegnoso e di sfiducia che bisognerà elaborare.

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...