traduci

04 gen 2011

La meditazione

3° Esercizio
Sempre seduti mantenendo la posizione del loto (se non si riesce a mantenere la posizione si possono stendere le gambe) mani appoggiate sulle ginocchia, palmi aperti verso l’alto focalizzare l’attenzione sul centro della fronte tra le sopracciglia: questo punto è detto terzo occhio (Ajna Chakra di cui vi parlerò nei prossimi articoli) ed è il plesso nervoso del riequilibrio psichico.
All’inizio potreste sentire irritazione, paura, potrebbero affacciarsi dei ricordi delle immagini o più semplicemente potrebbe venirvi sonno, ogni volta che la mente si distrae inspirarate con un respiro profondo. Ciò che si deve  ottenere è la consapevolezza senza pensieri, il silenzio della mente. Mentre ispirate cercate di percepire la vostra energia che risale posteriormente dal sacro, attraverso la colonna vertebrale fino a qualche cm. oltre la sommità del capo, per poi ridiscendere anteriormente lungo la linea centrale del corpo ripartendo dal centro delle sopracciglia , passando per la gola, lo sterno (centro del petto) , l’ombelico, il perineo (zona tra i genitali e l’ano) e ritornando al sacro.
Non preoccupatevi se non riuscirete subito o se ce la farete solo per pochi attimi, più praticate e più avanzerete la vostra energia farà tutto il resto, l’importante è non forzare, molto presto vi accorgerete della rilassatezza indotta da questo esercizio che rallenta tutte le funzioni vegetative, tanto che non vi sarà quasi bisogno di respirare, spariranno pensieri, preoccupazioni, dialogo interno, rallenterà il battito cardiaco.
La sequenza dei tre esercizi: stretching, pranayama e meditazione sono una variante più semplice del Krya Yoga, in tutto tale pratica non richiede che 15 o 20 minuti, oltre ad apportare benefici al corpo e alla psiche introducono al meraviglioso sentiero spirituale della consapevolezza, attraverso il quale si potrà ottenere l’integrazione mente- corpo- spirito.

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...